powered by
Benvenuto!   Accedi o registrati
INFORMAZIONI
Validi i contratti bancari e finanziari monofirma
Correlati
Ricerca
Validi i contratti bancari e finanziari monofirma
Validi i contratti bancari e finanziari monofirma
INFORMAZIONI
Validi i contratti bancari e finanziari monofirma

In tema d'intermediazione finanziaria, il requisito della forma scritta del contratto-quadro, posto a pena di nullità (azionabile dal solo cliente) dall'art. 23 del D.Lgs. n. 58 del 1998, va inteso non in senso strutturale, ma funzionale, avuto riguardo alla finalità di protezione dell'investitore assunta dalla norma, sicché tale requisito deve ritenersi rispettato ove il contratto sia redatto per iscritto e ne sia consegnata una copia al cliente ed è sufficiente che vi sia la sottoscrizione di quest'ultimo, e non anche quella dell'intermediario, il cui consenso ben può desumersi alla stregua di comportamenti concludenti dallo stesso tenuti.

I contratti bancari soggetti alla disciplina di cui all'art. 117 del D.Lgs. n. 385 del 1993, così come i contratti di intermediazione finanziaria, non esigono, ai fini della valida stipula del contratto, la sottoscrizione del documento contrattuale da parte della banca, il cui consenso si può desumere alla stregua di atti o comportamenti alla stessa riconducibili, sicché la conclusione del negozio non deve necessariamente farsi risalire al momento in cui la scrittura privata che lo documenta, recante la sottoscrizione del solo cliente, sia prodotta in giudizio da parte della banca stessa, potendo la certezza della data desumersi da uno dei fatti espressamente previsti dall'art. 2704 c.c. o da altro fatto che il giudice reputi significativo a tale fine, nulla impedendo che il negozio venga validamente ad esistenza prima della produzione in giudizio della relativa scrittura ed indipendentemente da tale evenienza.

La conferma arriva dalla Cassazione civile, sentenza n. 25844 del 14 ottobre 2019.