powered by
Benvenuto!   Accedi o registrati
INFORMAZIONI
Conto corrente bancario: l'onere della prova grava sulla parte attrice
Correlati
Ricerca
Conto corrente bancario: l'onere della prova grava sulla parte attrice
Conto corrente bancario: l'onere della prova grava sulla parte attrice
INFORMAZIONI
Conto corrente bancario: l'onere della prova grava sulla parte attrice

Il Tribunale di Teramo affronta la tematica inerente l'onere della prova nei rapporti di conto corrente bancario.

Sull'argomento ribadisce che nel caso di domanda di accertamento negativo e di ripetizione dell'indebito, grava sull'attore l'onere della produzione documentale e precisamente gli estratti di conto corrente dai quali desumere le somme che egli assume illegittimamente pagate alla banca e ciò sulla base del principio secondo cui la parte che afferma in giudizio determinati fatti ha l'onere di provarli.

Secondo l'orientamento granitico, manifestatosi in seno alla giurisprudenza di merito e di legittimità, il correntista che agisce in giudizio per la ripetizione dell'indebito, come nel caso di specie, è tenuto a fornire la prova sia degli avvenuti pagamenti, sia della mancanza, rispetto a questi, di una valida causa debendi, sicché risulta gravato dall'onere di documentare l'andamento del rapporto con la produzione di tutti quegli estratti conto che concorrono ad evidenziare le singole rimesse suscettibili di ripetizione, in quanto riferite a somme non dovute. Conseguentemente, ai fini dell'accertamento della declaratoria di nullità della clausola relativa alla capitalizzazione di contratti bancari, dell'applicazione di interessi superiori al tasso soglia e della commissione di massimo scoperto, in difetto della produzione degli estratti conto, la domanda di restituzione non può trovare accoglimento per difetto della prova.

In questi termini il Tribunale di Teramo, sentenza 16 dicembre 2019, n. 1194.